I Fondamentali

Alcune informazioni fondamentali, riferite alla domande più comuni sul marketing multilivello.

Il marketing multilivello è una truffa?
Esistono, come in tutti i settori, possibilità di incontrare persone ed aziende con un basso profilo etico.
Nota: oggi grazie ad internet abbiamo la possibilità di verificare le credenziali di persone ed aziende.

Da dove arrivano i guadagni del marketing multilivello?
In un’attività legale arrivano unicamente dal fatturato di vendita e/o di acquisto per l’autoconsumo. In un sistema piramidale invece, che è illegale, dall’iscrizione di nuovi incaricati e dalla formazione a pagamento.

Come mai alcuni parlano male del marketing multilivello?
Principalmente a causa di persone e/o aziende che in passato hanno operato in modo poco etico e con scarsa professionalità. Secondariamente, per il fatto che screditare il prossimo è uno dei diletti preferiti degli esseri umani. Lo si può constatare verificando quanti programmi televisivi sono impegnati a puntare il dito contro, anziché proporre soluzioni.
Nota: ci sarà sempre qualcuno che parlerà male di qualcuno o qualcosa. È capitato a quasi tutti noi, di muovere una critica a qualcosa che non si riesce ad interpretare. In genere, la critica ha origine da fattori che sono dentro di noi.

Sono in pochi a guadagnare con il marketing multilivello e la maggior parte ci rimette dei soldi, è vero?
Si, è vero allo stesso modo di tutte le attività in proprio e degli hobby. Bisogna infatti considerare, che il MM rappresenta sia la possibilità di impresa che un diletto. Qualcuno vi si impegna per costruire una rete di distributori e consumatori, altri lo fanno per puro divertimento e per stare a contato con gli altri.
La differenza sostanziale è che nel marketing multilivello, anche se non si guadagna, le perdite sono irrisorie rispetto ad un’attività tradizionale. Il MM dà la possibilità di provare, esattamente come l’hobby del golf o del tennis.
Sono in tantissimi quelli che perdono ogni giorno ingenti capitali in imprese che chiudono. Infinitamente più alto è il numero di persone che comprano attrezzature più o meno costose, per hobby ed interessi che durano il tempo di una stagione.

Nota: è stupefacente constatare come ancora oggi qualcuno parla male del marketing multilivello, facendo risaltare aspetti secondari ed omettendo malevolmente o inconsciamente la verità.
La realtà è che quasi il 100% delle persone si avvicina al marketing multilivello per provare, esattamente come lo si fa per un hobby. Di conseguenza, come accade per gli hobby: la bicicletta finisce in garage, le mazze da golf in soffitta, … il kit ed i prodotti nel ripostiglio.
Le perdite economiche nel network, nella maggior parte dei casi, è inferiore a quelle affrontate per intraprendere un’attività ludica. NON si avvicinano neanche minimamente alle spese da sostenere per avviare un’attività in proprio tradizionale.